Acerbis protagonista del Salone dei record

Acerbis protagonista del Salone dei record

Geometria, materia, luce, colore: i quattro elementi che da sempre contraddistinguono il design thinking di Acerbis sono andati in scena con Design Code: la presentazione in anteprima della Collezione Acerbis 2018 durante la 57a edizione del Salone del Mobile di Milano.

Un’edizione, quella appena conclusa, che ha registrato un’affluenza record di presenze da oltre 188 Paesi, confermando la vocazione internazionale e cosmopolita del più grande palcoscenico mondiale dedicato all’interior design.

Acerbis ha accolto clienti, visitatori e design lovers con un’allestimento elegante e sofisticato che ha esaltato le novità della collezione 2018: il tavolo GIANO di Marco Acerbis, un pezzo capace di sorprendere con un’architettura mutevole; la credenza ALTEREGO LOW di Giacomo Moor con la quale Acerbis amplia l’offerta dei contenitori per la zona living; il programma MOODBOARD tavolini e console, primo progetto firmato da Massimo Mariani e le evoluzioni del tavolo ELIQUE e del sistema parete N.C. LANDSCAPE a cura di Massimo Castagna.

La Collezione 2018 introduce un nuovo codice materico e cromatico che permette infinite armonie compositive, in cui prodotti dialogano naturalmente in un’interpretazione perfetta degli interni contemporanei. Le geometrie asimmetriche e complementari, che alleggeriscono la percezione visiva creando sempre nuovi scenari compositivi, le materie che nascono dalla rielaborazione sperimentale di antichi saperi artigiani per superare il concetto classico di finitura e diventare volume e oggetto di design, l’integrazione tecnologica con la luce e i sistemi di home entertainment ampliano i confini del progetto verso spazi flessibili e senza limiti che comunicano fortemente l’idea di raffinatezza, bellezza ed equilibrio.

La palette materiali e finiture si arricchisce della nuova essenza Frassino di Palude, prodotta con tronchi fossili plasmati da un lungo e non replicabile processo naturale che regala al legno effetti materici unici e preziosi, dell’inedita finitura spatolata a mano realizzata con un rivestimento cementizio a base di terre vulcaniche e infine dall’evoluzione delle finiture metalliche spazzolate ottenute con l’applicazione di vernici speciali, sviluppate con le nanotecnologie e contenenti vere e proprie micro-particelle metalliche per un effetto prezioso e sempre unico.

> Scarica il newspaper Design Code con le novità della Collezione 2018