Marco Acerbis e Giano su ICON ARCHITECTS

Marco Acerbis e Giano su ICON ARCHITECTS

“Nel mio lavoro la contaminazione tra design e architettura è continua. Entrambi nascono dall’interazione dell’oggetto con l’essere umano al fine di migliorare le condizioni del vivere contemporaneo. Il valore aggiunto che il design dà all’architettura è l’attenzione al dettaglio e l’idea di eleganza fuori dal tempo e dalle mode”.

Marco Acerbis è uno degli architetti inseriti in ICON ARCHITECTS, il quarto volume della Serie Oro di Interni, iniziata nel 2014 con il volume celebrativo per i primi 60 anni della rivista, e che racconta il meglio del Design e del made in Italy nel mondo.

Uno dei progetti selezionati come espressione visiva del pensiero progettuale di Marco Acerbis è il tavolo Giano, disegnato e presentato nel corso dell’ultima edizione del Salone del Mobile: un tavolo dalla duplice anima, leggero alla vista e imponente nella struttura, capace di sorprendere con una geometria mutevole al variare del punto di vista dell’osservatore, grazie ad un magistrale gioco di trasparenze e ad un’architettura che esalta la linea essenziale del disegno e la poliedricità della materia.
L’edizione 2018 della Serie Oro presenta una selezione di 100 architetti italiani e internazionali che, oltre ad aver realizzato prestigiosi edifici e interiors, hanno firmato alcuni dei prodotti più rappresentativi del design italiano.

Il volume raccoglie le testimonianze dirette di tutte queste grandi firme del design e dell’architettura mondiale su come cambia, al cambiare della scala di intervento, il loro modo di progettare in un momento storico in cui la cultura del progetto sembra avere recuperato l’originario punto di vista, nato dalla volontà di alcuni progettisti che volevano disegnare gli spazi del quotidiano nella sua interezza “dal cucchiaio alla città” (Ernesto R. Rogers).

Oltre a Marco Acerbis, il volume ICON ARCHITECTS include tanti altri progettisti che hanno firmato alcuni tra i pezzi più iconici del brand e che rappresentano una parte importante della storia passata e presente di Acerbis: Mario Bellini, Gabriele e Oscar Buratti, Michele De Lucchi, Rodolfo Dordoni e Norman Foster.